IL CENTRO SCOLASTICO

GRANDIOSO!

Se ci avessero detto nel 2012 (quando è nata l’Associazione) che saremmo arrivati dove siamo arrivati oggi, non avremmo creduto a una sola parola. Invece, grazie alle tante donazioni ricevute, dopo avere aiutato il nostro amico monaco Kim Bounleang a risollevare le sorti del tempio Pnom Sampeu (che si trova a circa 20 Km da Battambang) e che oggi ha più di 20 monaci e circa 500 bambini (vedi i nostri video e la sezione “Cosa abbiamo fatto”), ci siamo dedicati a una scuola di bambini disagiati (orfani, abbandonati o semplicemente molto poveri) del villaggio di Chrey (Battambang).

Dopo avere aiutato il nostro amico Kim Bouleang, abbiamo acquistato e preparato il terreno sul quale abbiamo costruito la prima struttura scolastica. Poi nel 2016, grazie alla raccolta fondi, abbiamo acquistato altri 700 metri quadrati di terreno e realizzato le fondamenta della futura casa-scuola.

Oggi la semplice struttura scolastica realizzata nel 2015 sta diventando un vero e proprio centro scolastico. I nuovi spazi acquistati nel 2016 permettono ai bambini di passare molte ore al suo interno utilizzando gli spazi per momenti di aggregazione dove è possibile giocare, ripassare gli argomenti studiati al mattino, rifocillarsi con uno spuntino offerto dal centro, o semplicemente stare a chiacchierare fra coetanei, e qui le bambine, come tutte le bambine del mondo, sono specialiste. Ma così facendo riusciamo a tenere, all’interno di una struttura protetta, tanti bambini che altrimenti non saprebbero dove andare e potrebbero, in alcuni spiacevolissimi casi, prendere una strada molto pericolosa per loro.

Le aule realizzate con tecnologie e materiali intermedi fra quelli Cambogiani e quelli Europei permettono comunque di avere un pavimento, un tetto, una lavagna, dei banchi, e tutti gli strumenti necessari (matite, penne, quaderni e libri) per potere studiare all’interno del nostro centro scolastico. Anche se dovesse piovere, le nostre strutture permettono di continuare a fare lezione e non scappare per andarsi a riparare sotto qualche altra struttura stabile (come avveniva in passato). Le lezioni si possono svolgere anche di sera, visto che abbiamo portato la corrente elettrica all’interno dell’aula. Certo ci manca ancora l’acqua e quindi i bagni all’Europea, ma quelli costruiti alla Cambogiana sono, almeno per adesso, più che sufficienti. Se continuate a sostenerci, in un prossimo futuro potremmo portare anche l’acqua e realizzare i bagni all’Europea, comprese le docce.

I vecchi spazi, aggiunti ai nuovi, permettono ormai a tanti bambini e adolescenti di venire a loro piacimento all’interno del nostro centro scolastico ed usufruire degli spazi e delle iniziative che quotidianamente si svolgono senza sosta.

Il nuovo terreno acquistato nel 2016 permette di fare merenda o giocare sempre all’ombra, grazie a due alberi secolari presenti proprio al centro del terreno.

Certo che tutte queste iniziative incrementano la necessità di fondi, ma semplici donazioni di pochi euro ci permetteranno di continuare con queste iniziative e anzi progettarne delle altre come, ad esempio, una mensa scolastica oppure una biblioteca dove chiunque possa usufruire dei libri che ci saranno all’interno di essa.

GRAZIE A TUTTI!

ARCHIVIO FOTO E STORIA DEL CENTRO

Siamo arrivati al 2019 con almeno un anno di anticipo rispetto alle previsioni. Ormai sono tanti gli: “Amici dell’Associazione”. È così, che con la riforma del terzo settore, devono essere denominati quelli che una volta erano i “Soci”. Anche le vecchie “Adozioni a distanza” non possono più essere denominate in questo modo ma devono essere chiamate “Sostegno a distanza”. Con tutta questa stupida burocrazia sembra quasi che facciano di tutto per scoraggiare quei già pochi volontari che desiderano pareggiare un po’ i conti fra coloro i quali (pochissimi) hanno la maggior parte del reddito mondiale e coloro i quali (moltissimi) hanno veramente poco, talmente poco che spesso non riescono a mettere insieme nemmeno un pasto al giorno. È il caso della Cambogia e nello specifico dei bambini della Cambogia dove la mortalità infantile è ancora elevatissima e la povertà è una condizione molto comune.

Ma noi non ci scoraggiamo, anzi ci mettiamo più energia e, come associazione non a scopo di lucro OdV (Organizzazione di Volontariato, che sostituisce in pratica la vecchia ONLUS), abbiamo costruito letteralmente da zero una scuola nel villaggio di Chrey della provincia di Battambang e dopo qualche anno a gennaio 2019 i bambini che frequentano il centro scolastico sono più di 200 e la situazione della casa-scuola è come quella evidenziata dalla foto.

Finalmente possiamo iniziare a realizzare anche i servizi e qualche abbellimento come gli oleandri o gli alberi da frutto, piantati già da qualche anno e che danno i primi frutti. Anche l’orto ormai comincia a dare i primi risultati.

Fra le varie nuove strutture realizzate nel 2019 abbiamo completato la compostiera poiché nei nostri progetti per il 2020 c’è l’impegno di praticare la raccolta differenziata non bruciando più la plastica all’interno del centro scolastico. Intanto la compostiera ha già dato il “compost” che ci permette di non utilizzare più fertilizzanti o concimi strani (sicuramente non naturali), ma materiale derivante dalla compostiera, umido, sfalcio di prato, foglie, eccetera.

Nel 2019 abbiamo completato la computer room, con un notevole sforzo economico, acquistando: un computer di ultima generazione, uno scanner, una stampante e, udite-udite, un video di grandi dimensioni per le lezioni di inglese utilizzando la rete Internet che abbiamo provveduto a portare all’interno del centro scolastico.

Anche se i tavoli ci sono costati veramente molto, siamo contenti di averli acquistati perché, oltre a garantire una lunghissima durata (diversamente dagli attuali tavoli che vanno sostituiti massimo ogni due anni, ma che costano anche pochi euro), sono comodi, pratici, belli e permettono a due allievi di seguire la lezione di inglese. A questo proposito faccio un appello ufficiale ai volontari che possano insegnare la lingua inglese di venire a Chrey, soggiornare (gratuitamente) presso il nostro centro scolastico svolgendo qualche lezione di inglese.

Altro grandissimo lavoro è stato quello di realizzare gli armadietti pensili della cucina. Dopo svariati tentativi, il lavoro è stato portato a termine con risultati esaltanti. In tutta Battambang non esiste niente di simile. Questa specifica opera è stato possibile realizzarla grazie al contributo di una speciale amica (Susanna). Senza la sua donazione non ci saremmo mai potuti permettere una delizia del genere. Legno di pregio e lavorazioni a mano sul posto hanno permesso quanto esposto nella foto. Il frigorifero (costosissimo) e il dispenser di acqua calda e fredda completano il 50% della cucina. Anche se la foto non rende tutto il merito, bisogna vederlo di persona. Quindi venite a trovarci, a marzo 2020 dovrebbero essere pronte anche le camere per i volontari.

Grazie alla nuova cucina è possibile preparare spesso dei pasti per i bambini che si divertono a mangiare tutti insieme. Poi però è l’ora di aiutare a lavare i piatti.

E adesso alcune belle foto dei nostri bambini:

Questa è la situazione della struttura in cemento armato alla fine del 2019. Tutto ciò è stato reso possibile solo grazie alle vostre donazioni.

Quindi non dimenticate mai che:

Siete voi il perno dell'Associazione.

FANTASTICO!!

Il 2018 è stato un anno decisivo per i cambiamenti. Sono aumentati gli amici che ci sostengono e di conseguenza abbiamo realizzato grandi opere e completato molti progetti. Siamo partiti a gennaio 2018 con la struttura in cemento armato che aveva semplicemente alcuni muri divisori al piano terra. Abbiamo dunque iniziato con la realizzazione delle finestre in stile europeo, ovvero con vetri, chiusura ermetica (resistenti a pioggia e vento), zanzariere e verniciatura duratura nel tempo.

Contemporaneamente abbiamo realizzato l’impianto elettrico e l’impianto idrico per tutto il piano terra. Ovviamente i lavori seguono i ritmi cambogiani, ovvero un lavoro che in Italia si può svolgere in 1 giorno, in Cambogia viene realizzato in 10 giorni. Ma il presidente dell’Associazione ha spesso diretto più squadre di operai contemporaneamente ottenendo risultati straordinari per il tempo a sua disposizione (pochi giorni a Natale e a Pasqua e circa un mese in estate). In molti casi ha operato in prima persona grazie anche all’aiuto di un altro italiano, Carlo, originario di Trieste che da qualche tempo si è appassionato ai nostri progetti.

Una volta finiti i lavori degli impianti abbiamo provveduto a dotare la struttura dei relativi pavimenti (sempre all’europea). È stato difficile spiegare come dovevano essere eseguiti i lavori, ma dopo moltissimi errori, i risultati sono stati più che soddisfacenti. Infatti, sempre in Cambogia, per eseguire un lavoro è necessario fare e disfare da 3 a 5 volte lo stesso lavoro, e mentre in Italia diventiamo matti per un evento del genere, in Cambogia è assolutamente normale e, soprattutto, senza agitarsi più di tanto …e a pensarci bene, forse hanno ragione loro. Tutte le stanze sono state dotate di nuovi pavimenti. Anche il ripostiglio-cantina è stato dotato di opportune piastrelle.

Concludendo, alla fine dell’anno 2018 la struttura scolastica si presenta in tutta la sua maestosità, tenendo conto che nel villaggio di Chrey (Battambang, Cambogia) la maggior parte delle case sono in legno (tipo palafitte) molto spesso senza luce e, sicuramente, senza acqua corrente.

In questa struttura sono state realizzate 3 toilette e le camere per: una computer room, una biblioteca, un’infermeria, una cucina, un garage e un piccolo appartamento per l’insegnante Borà. Come servizi, invece, abbiamo scavato un profondo solco dove abbiamo realizzato lo scarico delle acque piovane che vengono indirizzate all’interno di un piccolo laghetto presente nel nostro centro scolastico. In questo modo abbiamo eliminato qualsiasi possibilità di creazione di fango oltre che avere una scorta d’acqua per quando c’è invece la stagione secca. Tutta l’acqua piovana va nel laghetto. Mentre invece l’altra opera che abbiamo realizzato riguarda le acque piovane provenienti dai tetti e, quando piove è veramente tanta. L’acqua, decisamente più pulita, viene raccolta grazie a delle grondaie realizzate appositamente e indirizzata all’interno di una cisterna.

Grazie a una potente pompa è possibile prelevare l’acqua che viene utilizzata per numerosi scopi: lavarsi, finché non avremo l’acqua corrente (speriamo entro il 2020), usarla per lavare stoviglie, pavimenti, eccetera, oppure anche per innaffiare l’orto e gli alberi che abbiamo piantato da anni e che cominciano a dare i primi frutti: banano, mango, papaia, jackfruit. I bambini e gli adolescenti si divertono ad aiutare l’insegnante a raccogliere i frutti per poi mangiarli tutti insieme.

In quest’ultima foto si possono notare le gonnelline e le camiciole che l’Associazione Orphan House OdV acquista per tutte le allieve così da non evidenziare le differenze sociali fra i vari bambini e adolescenti. Ormai già da qualche anno oltre a penne, matite, quaderni e libri acquistiamo abbigliamento e materiale per l’igiene intima, come ad esempio spazzolini da denti e relativo dentifricio.

Ormai presso il nostro centro scolastico frequentano quasi 200 bambini, che è un numero che supera di molto quello che doveva essere il limite massimo (150), ma risulta veramente molto difficile dire di no a qualche bambino che vuole a tutti i costi frequentare il nostro centro. I genitori arrivano carichi di bimbi (anche 5 per ogni motorino) raccogliendo anche i bimbi dei vicini di casa.

A dicembre 2018 la situazione è quella dell’ultima foto. Siamo a buon punto, anzi ottimo. Rispetto alle previsioni siamo nettamente in anticipo perché negli ultimi anni sono aumentati notevolmente gli “Amici dell’Associazione” che mensilmente (anche con pochi euro) ci aiutano concretamente e quindi abbiamo potuto lavorare anche con tre squadre di operai contemporaneamente, grazie anche al grande aiuto di Carlo. Quindi:

Continuate a sostenerci.

GRANDIOSO!

Nel 2017 si sono aggiunti molti nuovi amici che hanno permesso la realizzazione di molti obiettivi. Alla fine del 2017, quando abbiamo organizzato la festa di Natale (vedi il corrispettivo video) i bambini frequentanti il centro scolastico erano 150. La festa è stata stupenda, anche molti genitori hanno contribuito alla buona riuscita della festa. Ma sono stati soprattutto i nostri amici venuti dalla Thailandia, dalla Croazia e dall’Italia che hanno contribuito sia economicamente che fisicamente.

La nuova struttura iniziata nel 2016 con la realizzazione delle fondamenta, permette già da luglio 2017 di poter fare lezione all’aperto, ma al coperto, grazie al piano terra della casa-scuola che sta nascendo. I lavori svolti nel 2017 anche grazie a WhatsApp sono stati costanti e hanno permesso di completare la struttura portante in cemento armato.

Oltre ai pasti per i bambini, nell’immediato futuro vorremmo cominciare ad educarli all’igiene personale. Nel 2017 abbiamo donato spazzolini e dentifrici a tutti i bambini. La risposta non è stata eccezionale. Ovviamente anche perché ancora non abbiamo l’acqua corrente all’interno del centro scolastico. Ci ripromettiamo nel 2018 di ripetere l’esperienza della donazione di spazzolini e dentifrici per tutti i bambini, questa volta compresi i genitori, nella speranza che nell’immediato futuro avremo presto anche l’acqua corrente.

Nel 2018 speriamo di svolgere i lavori al piano terra per realizzare le strutture fondamentali per il buon funzionamento del centro: servizi igienici, mensa scolastica, infermeria, computer room, biblioteca. Nel frattempo molti amici sono venuti a trovarci tanto è vero che faremo di tutto per realizzare qualche camera al primo piano della futura casa-scuola dove volontari, o semplici curiosi, possono vivere un’esperienza diretta in un villaggio della Cambogia. Intanto nel 2017 abbiamo realizzato molte opere fondamentali e anche i bambini hanno contribuito alla loro realizzazione.

I costanti lavori degli operai hanno portato al completamento della struttura portante in cemento armato. Alla fine del 2017 abbiamo finalmente la certezza che nel 2018 possiamo proseguire con i lavori di completamento della struttura.

Continuate a sostenerci.

Il 2016 è stato un anno veramente importante per la nostra Associazione. La piccola scuola si sta lentamente trasformando in un vero e proprio Centro scolastico. Grazie alle donazioni di tanti amici, siamo riusciti ad acquistare altri 700 metri quadrati di terreno per un totale di circa 1.500 metri quadrati. Sul nuovo terreno è possibile stare all’ombra tutto il giorno grazie a due alberi secolari.

Nel nuovo terreno è possibile organizzare qualsiasi attività extrascolastica in totale sicurezza. È quindi possibile organizzare attività di qualsiasi tipo sia per i più piccoli che per gli adolescenti: fare giochi di società, costruire aeroplani, imparare a giocare a Badminton, oppure fare dei veri e propri tornei di Badminton. L’importante che tutti i ragazzi abbiano un punto di ritrovo sano e sicuro, dove imparare a stare assieme e non perdersi per campagne, foreste o, ancora peggio, andare a chiedere l’elemosina in città.

Anche gli adolescenti usufruiscono del nuovo terreno. Nel 2016 siamo riusciti ad organizzare un torneo di Badminton, gioco praticamente sconosciuto in Italia ma che nel mondo è il terzo sport praticato. Mentre i più piccoli iniziano ad imparare come tenere la racchetta in mano, i più grandi si cimentano in appassionanti tornei.

Sul vecchio terreno acquistato e preparato per la realizzazione della prima struttura scolastica, intanto, proseguono le lezioni che si tengono ormai già da qualche anno. Particolarmente interessati, i bambini partecipano sempre attivamente alle lezioni. Per gli insegnanti italiani è veramente una gioia vedere il coinvolgimento attivo degli studenti in questa parte del mondo. Poiché nei villaggi della Cambogia la scuola, e quindi la possibilità di studiare, è ancora un sogno, chi ha la fortuna di poter frequentare un ambiente scolastico, non si lascia scappare una simile occasione.

Nel 2016 le donazioni di 6 amici particolarmente sensibili ci hanno permesso di seguire assiduamente 8 bambini (vedi la sezione “Le nostre adozioni”) aiutando concretamente le famiglie dei bambini che non avrebbero potuto in alcun modo mandare i figli scuola. Periodicamente portiamo generi alimentari sufficienti per qualche mese a tutta la famiglia. In questo modo i bambini possono continuare a stare in famiglia e contemporaneamente frequentare il nostro centro scolastico. Nel 2016 abbiamo provveduto anche ad acquistare dei semplice abiti che le famiglie provvedono poi a tenere costantemente puliti e ordinati. Così, grazie ad Alma P., Pum Tinà e Pum Rattanà non devono più badare agli animali ma possono frequentare la scuola. Questo è stato l’accordo con la madre: noi la aiutiamo, donandole periodicamente generi alimentari, e le bimbe sono libere di venire a suola.

Concludiamo con Reisà e Ritì, due bambini che vivono all’interno del centro scolastico. Grazie ad altri amici (vedi la sezione “Le nostre adozioni”) seguiamo personalmente i due bambini assicurando oltre il vitto e l’alloggio, anche un’adeguata istruzione.

A conclusione del 2016, a Natale abbiamo organizzato una festa con regali per tutti i bambini. Pur non essendo una festa Cambogiana (il 90% è di religione Buddista), i bimbi sono sempre pronti e disponibili a fare festa e ricevere i regali.

Sul nuovo terreno nascerà la nuova struttura scolastica a due piani in stile europeo. Sogniamo tanto di poter realizzare una biblioteca dove tutti i bambini o adolescenti possono usufruire di libri scolastici, dizionari e libri di semplice lettura. I lavori proseguono costantemente in funzione delle donazioni che man mano arrivano.

GRAZIE A TUTTI!

Stiamo andando alla grande!!!

Pur avendo disponibilità economiche limitatissime, grazie all’aiuto dei nostri soci e alle iniziative che l’Associazione sta svolgendo, siamo riusciti ad acquistare il terreno su cui realizzeremo i sogni di tanti bambini e adolescenti

Il terreno agricolo di 750 metri quadrati è inserito nella foresta del villaggio di Chrei a circa 15 chilometri da Battambang.

A Pasqua del 2015, dopo avere acquistato il terreno, abbiamo provveduto alla sua sistemazione. Un enorme quantitativo di terra ha permesso di evitare i frequenti allagamenti all’interno dei terreni poiché le strade delle campagne cambogiane sono state realizzate con un livello superiore ai terreni privati onde evitare continui allagamenti alle strade. Successivamente un caterpillar ha spianato il terreno per renderlo adatto alla costruzione della prima struttura scolastica.

Nel mese di luglio 2015, dopo quasi due mesi di lavoro con la partecipazione di tutti, abbiamo realizzato la prima struttura scolastica. Gli operai (retribuiti e volontari) e le donne delle case vicine alla scuola (se “case” si vogliono chiamare le semplicissime strutture in legno presenti vicino la scuola) hanno contribuito alla realizzazione della struttura. Le mamme dei bambini portavano da bere e da mangiare per tutti (ovviamente all’acquisto del cibo provvedeva la nostra associazione).

GRAZIE!

L’entusiasmo contagioso che si riscontra evidente in tutti i partecipanti alla realizzazione del sogno di tanti bambini ci dà la forza per continuare in questa bellissima avventura. L’aiuto di tutti permetterà alla fine di ottenere i risultati sperati o, addirittura di più, come d’altronde sta avvenendo in questi mesi.

L’entusiasmo contagioso che si riscontra evidente in tutti i partecipanti alla realizzazione del sogno di tanti bambini ci dà la forza per continuare in questa bellissima avventura. L’aiuto di tutti permetterà alla fine di ottenere i risultati sperati o, addirittura di più, come d’altronde sta avvenendo in questi mesi.

Aiutateci a renderli felici, saremo felici anche noi.